Terre, Lingue e Saperi

Ogni due anni, per 5 giorni, una rete invisibile fatta di relazioni, condivisione e lavoro acquisisce un volto concreto. Un volto umano, fatto di occhi, di una voce e soprattutto di una storia da raccontare personalissima ma mai scindibile dalle radici della/e tradizione/i a cui appartiene. Tutte queste persone credono in modo sincero e disinteressato in una stessa cosa, che è la sacrissima tutela di ‘Terra Madre’ e dei suoi abitanti.

L’evento di Terra Madre è davvero un’occasione rara di ricchezza umana e noi nell’edizione del 2010 abbiamo condotto una piccola indagine per mettere in evidenza il fatto che non esiste la supremazia di una cultura su un’altra e che la trasmissione dei saperi è reciproca. Proprio come non esistono civiltà progredite e quelle arretrate ma esistono solo delle temporanee condizioni sociali differite in porzioni di storia.

I bisogni dell’uomo sono universali.

***********************************************************

Every two years, for 5 days, an invisible network made of relationships, sharing and labour acquires a concrete face. A human face made of eyes and a voice, above of all, each person with a very personal story to tell, these stories anyway are never separable from their roots coming directly from their traditions. All these people believe, in a truthful and disinterested way, in one thing: the very holy safeguard of the ‘Mother Earth’ and its inhabitants.

The Terra Madre event is truly a rare opportunity of human cultural richness. During the 2010 edition, we have conducted a small inquiry to highlight the fact that there is no supremacy of one culture over another and that the transmission of the knowledge is mutual. Just as there are no advanced civilizations and those lagging behind, but there are only temporary conditions in different moments of the social history.

The needs of the humankind are universal.

Share on Facebook

Leave a Reply

Categories
Archives
Tags